Quattro passi a Parma. Walking around Parma.

Un’altra bella giornata di sole ci accompagna a Parma, deliziosa città a misura d’uomo. E’ bello camminare e perdersi per le vie della città o anche andare in bicicletta. Ad ogni angolo c’è sempre qualcosa da vedere. Another sunny day for visiting Parma, an amazing city. It is nice to walk or get lost in the streets of the city or cycling.

Parma accoglie i turisti col suo immenso patrimonio culturale. Ci sono 300 beni culturali sia archeologici che architettonici. Parma welcomes tourists with an immense cultural heritage. There are 300 cultural assets both archeological and architectural.

Si comincia dal Palazzo della Pilotta costruito tra il XVI e XVII secolo per volontà della famiglia Farnese. All’interno ci sono oggi musei e biblioteche. Palazzo della Pilotta, built between XVI and XVII century by Farnese family. Inside now there are museum, exibitions, libraries.

PHOTO-2018-11-09-09-33-42

 

Piazza del Duomo, la Cattedrale di Santa Maria Assunta, simbolo della città, costruito tra XI e XII secolo, esempio di stile romanico. Duomo Square, the Catedral, built between XI and XII century, amazing romanic style.

Battistero, con pianta ottagonale e rivestito di marmo rosa di Verona. Battistero, octagonal plant, covered in pink Verona murble.

Altri tre posti nel centro della città…… Other locations in centre of the city.

Alla ricerca di un buon posto dove mangiare……vi consiglio l’Osteria dello Zingaro. Risotto salsiccia e funghi e l’imperdibile Prosciutto di Parma da mangiare con le mani (come mi ha insegnato il proprietario).

A nice place for eating? I suggest Osteria dello Zingaro. Rice with mushrooms and sausage and a dish with Prosciutto di Parma to eat with your hands.

Come sempre…buon appetito. As always ….. buon appetito.

 

 

 

Una cena di compleanno. A birthday dinner. Second part.

Beh, il risotto speck, gorgonzola e radicchio è stato un successo sulla mia tavola e non solo. Molti amici mi hanno scritto, chi lo ha già cucinato e chi lo vuole cucinare presto. Sono contento che le mie ricette vi facciano compagnia. Rice with speck, gorgonzola and radicchio was a success, on my table and not. Some friends wrote me, someone already tried the recipe, other want to cook it very soon. I’m very happy, my recipes are becoming nice stories.

Vi dicevo del dolce al cucchiaio che ho preparato. E’ un Parfait di cachi profumato al limone. Non fatevi trarre in inganno, è un dolce molto delicato ma molto semplice. Una ricetta che ha il sapore e il colore dell’autunno. Yesterday I wrote about the cake. I prepared a persimmon parfait flavored with lemon. The recipe has flavors and colours of autumn, it is easy and delicate.

Ho preparato 6 vasetti. Uno lo ha assaggiato anche Laura, la nostra vicina, una simpaticissima ragazza che apprezza la mia cucina e mi da tante soddisfazioni. Recipes for 6 persons.

IMG-0028

500 gr. cachi (il frutto degli dei), il succo di mezzo limone, 3 cucchiai di liquore (io ho usato la vodka, me l’ha regalata la mia amica Veronica in un suo recente viaggio in Italia), gelato alla panna (che è molto cremoso), Pan di Spagna. Persimmons (500 gr), juice of half lemon, 3 spoons of liquor (I used vodka, present of my friend Veronica during last travel to Italy), ice cream and Pan di Spagna.

Sbucciare i cachi e frullarli nel mixer. Aggiungere il succo del limone e il liquore. Peel the persimmons and blend in the mixer. Add juice of lemon and liquor.

IMG-0029

Prendere il Pan di Spagna (in Italia chiamiamo Pan di Spagna un soffice pane dolce adatto per fare le torte) e tagliarlo a dischetti della dimensione dei vasetti. Pan di Spagna, gelato alla panna e succo di cachi.

IMG-0034

In Italy we call Pan di Spagna a soft and sweet bread suitable for cake. Cut Pan di Spagna around the size of the jars. Pan di Spagna, ice cream and juice of persimmons.

Mettere in freezer per due ore. Tiratelo fuori dal freezer mezzora prima mangiarlo. Put the jar in freezer for 2 hours and take out of the freezer half an hour before eating.

IMG-0036

PS. Laura ha assaggiato anche il risotto e l’ha trovato buonissimo.

 

Una cena di compleanno. A birthday dinner. First part.

Ieri sera ho festeggiato il compleanno di mia mamma. E come ogni anno – è una tradizione – preparo una sorpresa, un piatto nuovo, mai cucinato prima. Ma ieri sera ci sono state ben due sorprese. Un risotto radicchio e gorgonzola segnalatomi dal grande chef Nero di Seppia ed un dolce al cucchiaio trovato e studiato in un antico libro di ricette. Ma andiamo con ordine……. Yesterday evening I celebrated my mom’s birthday. Every year – like a tradition – I prepare a new dish, never done before, a surprise. But yesterday evening I prepared two surprises. Rice with radicchio and gorgonzola showed me by Master Chef Nero di Seppia and a cake. I found and studied the recipe in an old book……

Per 6 persone ho usato: Recipe for 6 persons.

IMG-0037

500 grammi di riso (per questo piatto ho usato il Riso Carnaroli); carota, cipolla e sedano per il brodo vegetale; 300 grammi di radicchio, 200 grammi di gorgonzola dolce, 100 grammi di speck, un bicchiere di vino bianco, olio e sale, 2 noci di burro. Rice (500 gr), carrot, celery and onion for the vegetal broth, radicchio (300 gr), gorgonzola (200 gr), speck (100 gr), a glass of white wine, oil, salt, butter.

Ho cominciato a tagliare il radicchio. In una padella con un po’ d’olio ho messo lo speck con il radicchio e l’ho fatto stufare un po’. I cut radicchio and in a pot I put oil, speck and radicchio for becoming stewed.

IMG-0039

In una casseruola ho messo le noci di burro, il riso per farlo tostare e il bicchiere di vino bianco per farlo sfumare. Poi ho cominciato ad aggiungere il brodo vegetale per far cuocere il riso. In other pot I put butter and rice and I added white wine to make it fade. I added broth when it was necessary.

A metà cottura ho aggiunto il radicchio con lo speck. Later I added radicchio and speck.

IMG-0043

Ancora brodo fino a fine cottura. Poi ho aggiunto il gorgonzola. Broth again till the end. Then I added gorgonzola.

Versate nel piatto, et voilà il vostro risotto è pronto. Rice with radicchio, gorgonzola and speck is ready.

IMG-0048

Buon appetito!!!!

La tradizione della cucina povera. The tradition of “poor cousine”

Ho visto tanti film nella mia vita. Per piacere, per lavoro o quando studiavo all’università. Ma ce n’è uno a cui sono particolarmente affezionato e – devo ammetterlo – mi commuove sempre quando lo rivedo. E’ “L’albero degli zoccoli” vincitore della Palma d’Oro a Cannes nel lontano 1978. Ad un incontro al Corriere della Sera il mio caro amico Maurizio Porro mi presentò – molti anni dopo –  il regista del film, Ermanno Olmi. Un momento indimenticabile. I watched a lot of movies in my life. For fun, for job and during my career at university. One of them I love particulary and – I admit – every time I watch it ….. I get emotional. Title is “L’albero degli zoccoli” vinner of Palma d’Oro in Cannes Festival in 1978. During a meeting in the seat of Corriere della Sera (the most important newspaper in Italy) my friend Maurizio introduced me the director of the movie. UNFORGETTABLE moment.

Anche in questo film si mangia. Polenta e latte, il pane bianco per festeggiare l’arrivo di un bambino, il pane con le noci dopo un matrimonio, i pomodori del nonno cresciuti nella vecchia stalla. Erano piatti della cucina povera, la cucina dei contadini della bassa bergamasca. Even in this movie we eat: polenta and milk, white bread for celebrating a new brother, bread and walnuts during a marriage, grandpa’s tomatoes grown in the old barn. Dishes of “poor cousine”.

La ricetta di oggi si chiama Pan Cotto, è semplice e gustosa. Ogni volta che la cucino penso a quel film e mi si scalda il cuore. Today I suggest a recipe called Pan Cotto (bread baked). Every time I cook Pan Cotto I remember that movie and my heart warms.

Prepara un bel soffritto (sedano, carota e cipolla) e fallo rosolare in padella. Nel frattempo prepara il brodo e inizia a tagliare il pane raffermo che hai a casa. Ne bastano 150/200 grammi. Metti il pane in una padella e bagnalo con il brodo per ammorbidirlo. Soffritto (celery, onion, carrot), prepare the broth and cut stale bread.

PHOTO-2018-11-09-09-18-50

Dopo 15 minuti il soffritto è stufato e puoi aggiungere i fagioli e i piselli. After 15 minutes you can add beans and peas.

IMG-0003.JPG

Aggiungi del brodo quando serve e cuoci ancora per 15 minuti. Add broth if necessary and cook again for 15 minutes.

Le verdure stufate versale ora sul pane nell’altra pentola, coprila di brodo, metti un coperchio e lascia cuocere per altri 20 minuti. Quando mancano 5 minuti alla cottura finale aggiungi una spolverata di parmigiano e un rametto di rosmarino. After 15 minutes soffritto is stewed and you can add beans and peases. Add broth, if you need, and cook for 15 minutes more. Put now all the stewed vegetables on the bread in another pot, cover everything with broth and put a lid. Cook 20 minutes again.

E’ pronto il tuo Pan Cotto. Pancotto is ready.

PHOTO-2018-11-09-09-25-15

Le fredde sere sono in arrivo e questo antico piatto povero si farà mangiare in tutta la sua semplicità. Un vino rosso, magari un Cabernet freddo lo accompagna esaltando la dolcezza dei sapori. Cold evening coming soon and you can eat this old, poor and easy dish of our tradition. I suggest to drink a red wine, maybe Cabernet but cold.

Buon appetito.

 

Quattro passi per Milano. Walking around Milan.

Milano è la mia città. Qui sono nato, cresciuto, ho studiato e sono diventato uomo. Conosco la mia città? Non lo so, ci sono sempre angoli così belli da scoprire, storie e personaggi che riaffiorano. Milan is my city. Here I was born, I grew up, studied and became a man. Sometimes I ask myself “do you know your city?”. I don’t know, there are always new places so beautiful, histories and characters that resurface. As always I will show you my city with my eyes.

Colazione in un bar del centro. Breakfast in a bar of the centre of the city.

PHOTO-2018-11-09-00-56-35

Il chiostro dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

PHOTO-2018-11-09-00-58-10

Il Naviglio, le vecchie case di ringhiera e il Vicolo dei Lavandai. Naviglio, old houses and Vicolo dei Lavandai.

Le Colonne di San Lorenzo.

PHOTO-2018-11-09-01-00-33

Pausa per il pranzo. Pizza? dove se non da Spontini, la pizza di Milano. Grazie Simone per la tua buonissima pizza margherita. Lunch time. Pizza? Spontini of course, pizza in Milan. Thank you Simone, your pizza margherita was super tasty.

PHOTO-2018-11-09-01-01-10

La tradizione milanese: le caldarroste. Tradition in Milan: roasted chesnuts.

PHOTO-2018-11-09-01-01-50

Tornando a casa…..geniali quelli del bar Bijoux. Coming back home….such genius friends in bar Bijoux.

PHOTO-2018-11-09-01-02-19

E per cena? Tagliatelle fatte in casa al ragù. Dinner time? Homemade tagliatelle with ragù.

PHOTO-2018-11-09-01-02-57

 

Stay tuned.

A day in Verona. Un giorno a Verona

Durante questi giorni, approfittando del “ponte” dei Santi e Morti, sono stato a Verona. Tanti ricordi e tanti sentimenti mi legano a questa città meravigliosa. Ho lavorato per 6 edizioni all'”Estate teatrale veronese” accanto al direttore Gianpaolo e al mio caro amico Enrico ad uno dei festival più belli d’Italia. Last week I was in Verona. A lot of memories and a lot of feelings in this wonderful city. I worked  for 6 editions around one of the most beautiful teatrical festival in Italy, with the director Gianpaolo and my good friend Enrico.

Camminate accanto a me, vi faccio vedere Verona coi miei occhi. Walk near me, I show you Verona with my eyes.

In una bella giornata di sole sono arrivato nella città denominata “la porta d’Italia”: chi arriva dall’est passa per forza da Verona. Cosa c’è di meglio di una bella colazione all’aperto anche se l’aria è fresca. La simpatia del cameriere del bar Cangrande è contagiosa. I arrived in Verona called “the door of Italy” in a nice sunny day. Breakfast outside in a fresh morning and the funny smile of the waiter. What else?

PHOTO-2018-11-08-14-17-57

Ed eccoci all’ingresso del centro della città, alla zona che viene chiamata Liston. Le antiche case colorate e le lunghe lastre di marmo lucide. Here I am at the entrance of the centre of the city. This area is called Liston: ancient colored houses and long polished marble slabs

Di fronte al Liston la famosa Arena, luogo di concerti, grandi eventi e della stagione di opera. In front of Liston there is the famous Arena, location for concerts, great events and operas.

PHOTO-2018-11-08-14-18-51.jpg

Via Mazzini, la via dello shopping, ci porta nel luogo romantico per antonomasia, la casa di Giulietta. Walking along via Mazzini (street of shopping) we arrive to Julietta’s house. Really a romantic place.

Dopo tanto camminare c’è bisogno di un momento di sosta. Il mio posto preferito? Il Caffè Cappa proprio accanto al Ponte di Pietra con una vista mozzafiato sul fiume Adige e sull’antico Teatro Romano. Vi consiglio la soppressa su polenta con gorgonzola. Ho bevuto un Valpolicella, leggero ma intenso. Un peccato di gola? prima di riprendere il cammino ho bevuto una grappa morbida. I needed a place for relaxing. My favourite place? Cappa Cafè, next to Ponte di Pietra and with a breathtaking view of the river Adige and Teatro Romano. I suggest you soppressa with polenta and gorgonzola cheese. I drank a glass of red Valpolicella. A sin of throat? a small glass with grappa.

PHOTO-2018-11-08-14-20-48

Ho attraversato piazza delle Erbe, un vero salotto e mi sono diretto verso il Duomo. I crossed Piazza delle Erbe, an elegant living, directed to the Duomo.

Poi ancora due passi lungo l’Adige, per arrivare a quel capolavoro chiamato San Zeno. Then step by step I arrived in front to San Zeno. A masterpiece.

PHOTO-2018-11-08-14-23-08.jpg

 

Domani una nuova gita. Stay tuned.

Walnuts cream. Una semplice crema di noci.

Buongiorno a tutti cari amici. Good morning my dear friends, ready for preparing lunch?

Le noci mi mettono allegria, quel cestino in mezzo alla tavola, il suono delle chiacchiere e quelle mani che si allungano a prenderle e a romperle. Il mio amico Guido – in estate e in inverno – chiede sempre a fine pranzo “ma non ci sono le noci?”. Walnuts make me happy. Always in centre of the table, the sounds of voices talking and hands reaching out to get them and break. My friend Guido – in summer or winter – always asks: “But….are not there walnuts?”.

Oggi vi suggerisco una ricetta semplice, una crema di noci, un sugo per accompagnate un piatto di pasta. Vi consiglio i sedani rigati. Today I suggest you an easy recipe, walnuts cream, the right source for sedani rigati.

Ingredienti. Ingredients.

PHOTO-2018-10-23-14-44-11

500 gr di noci (che diventeranno 200 grammi circa solo di gheriglio). 500 gr. of walnuts (they will become 200 gr. just the part inside).

60 grammi di parmigiano, 2 cucchiai di olio, 2 pizzichi di sale e 180 ml di latte. 60 gr. of parmesan, 2 spoon of oil, salt and 180 ml of milk.

Non c’è panna, non c’è aglio. Una vera ricetta light. No sour cream no garlick, really a light recipe.

PHOTO-2018-10-23-14-44-35

In un mixer mettete le noci con il parmigiano. Poi aggiungete il latte, l’olio e il sale. In a mixer put walnuts and parmisan. Then add milk, oil and salt.

Ho fatto qualche porzione in più e l’ho messa nel freezer. I did some more portions and I put everything in freezer.

PHOTO-2018-10-23-14-44-53

Il vino per questo piatto? Vi suggerisco un Vermentino della Riviera Ligure di Ponente. Which wine for this recipe? I suggest Vermentino (Riviera Ligure di Ponente).

Enjoy!!!!!!

Sunday lunch with family. The best time of the week. Il pranzo della domenica penso sia il più bel momento della settimana.

Happy sunday!!! First of all thank you very much. My blog… no, OUR blog was born a week ago and I had a lot of visitors and a lot of followers. I’m really happy.

Do you remember my first recipe? Risotto with pumpkins. I cooked yesterday and it was so tasty.

Today I want to write a recipe for sunday lunch, the best time of the week. Every family can stay all together, have fun, talk and discuss about everything.

This recipe is from Trento, a wonderful city in north Italy. I was there with my lovely friend Giorgia and she introduced me her grandmother who teached me how to cook Orzotto alla Trentina.

Recipe for 4 persons (as always)

Wash under water 200 gr of barley. Cold water. Prepare your broth – as always – vegetal broth without meat. Cut a potato and a carrot (julienne style).

Cut one onion and put it in a pot with oil. Cook the onion for 10 minutes.

Then add …….I normaly use pasta di salame (like a salame shelled), I call it Tastasal. Do you remember the famous soprano Maria Callas? She loved tastasal in every soupe in winter. So, add 100 gr of pasta di salame.

Then add potato and carrot and barley. Mix everything. Occasionally add broth. Mix and add broth for 40 minutes. Your Orzotto is ready. Buon appetito.

I suggest to drink Pinot bianco or Pinot grigio. Enjoy your sunday lunch!!!!

 

 

 

 

There is a place in my heart.

There is a place in my heart. Everyone has one, I guess. A place full of peace or full of good memories. Something like a “buen retiro” as they say in spanish.

My favourite place in Italy is NOLI, a wonderful small country in Liguria, north Italy.

I began to visit Noli when I was a child with my parents. And I’m continuing spending my free time there. I love wake up early and go on the beach waiting for the sun. I like have breakfast in a bar in front of the sea. I like to read in the silence or talk with friends.

PHOTO-2018-10-20-12-09-44Noli was a “repubblica marinara” (republic of the sea), full of history. Now just 3000 inhabitants live there. A quite relaxed place for holiday with family or friends.

Good food and good wine;  the castle; San Paragorio (the old romanic church); the beach of saylors (you can buy fresh fish every morning); the old centre and the tower are the attractions. Don’t loose the sunset on the beach.PHOTO-2018-10-20-12-43-27.jpg