I mercatini dell’antiquariato.Antique markets.

E’ la mia nuova passione, l’ho già detto. Girare per mercatini, vedere e rivedere cose della mia infanzia, cose oggi inusuali. Chi manda più una cartolina oggi ai tempi di Instagram? E quelle lampade anni 70? E la bellezza di quelle tazzine da caffè con il bordo dorato? I told you, already. It is my new passion. Walk across the markets and see again objects from my childwood. Who sends a postcard today in the time of Instagram? And those lamps from the 70s? And the beauty of those coffee cups with gold rims?

IMG-2661

Dopo una breve pausa estiva sono tornati, brulicanti e colorati, i mercatini dell’antiquariato. Le bancarelle, le trattative, quegli oggetti apparsi da chissà quale cantina. After a short vacation, markets are back, colorful and swearming. The stalls, the negotiations and the objects that appeared from who knows what attic.

Navigli, Castelleone, Como, Cremona, il Gran Balun di Torino. Mercatini con il loro carico di memoria, con la gente che curiosa, che compra. Antique markets full of memories with the curious people who buy.

Un’insalata nel pane. Salad inside the bread.

Qualche giorno fa ho cucinato per un gruppo di amici a Bologna. Un grande appartamento, i padroni di casa simpatici e adorabili, gli ospiti di grande compagnia. Some days ago I cooked for a group of friends in Bologna. A big and nice flat, hosts adorable, funny guests.

Cosa cucinare per sorprendere questi allegri compagni di serata? Una cosa semplice, l’insalata nel pane. What to cook for surprising all this friends? A simple idea, salad in bread.

IMG-2671

Ho portato da Milano il nostro tipico pane, la michetta, ma del tipo vuoto dentro, senza mollica. Ho tagliato la testa del panino e ho messo sedano, olive, pomodorini, mozzarelline, cipolla rossa……. I brought with me from Milan our tipical bread, michetta, but the empty type inside, without crumb. I “cut the head” to the bread and I put inside celery, olives, tomatoes, small mozzarella, red onion,

La ricetta della domenica. My recipe for sunday lunch.

In cucina ci sono ancora i colori e i profumi dell’estate. La ricetta che vi propongo oggi abbraccia i colori di questo momento.

Ingredienti: riso basmati, peperoni e piselli.

Tagliate i peperoni a pezzetti e fateli cuocere in una pentola con un filo d’olio e dell’acqua. Cut pepperoni in pieces and cook in a fot with few oil and water.

IMG-2386.JPG

Cuoci il riso in acqua salata. Cook basmati rice in salt water.

IMG-2389.JPG

Cook peas few minutes in a pot without oil. Cuoci i piselli in una pentola senza olio, senza niente.

IMG-2152

Ecco il tuo piatto, semplice ma gustoso per questa domenica di fine estate. Your lunch in this sunday of late summer is ready.

IMG-2388

La mia estate in 10 fotografie. My summer in 10 pics.

Le fotografie. Piccoli momenti di memoria. Un viaggio, dei volti. Un’estate.

 

Pics. Short moments of memory. A travel, some faces. A summer.

 

In 10 fotografie vi racconto la mia estate. L’alba sul mare al mattino, la mia colazione al bar, le visite ai musei, il relax sulla spiaggia, le cene con gli amici.

 

In 10 pics I tell you my summer. Sunrise over the sea, my breakfast, visit exibition, relax on the beach, dinner with friends.

IMG-1812

IMG-1837IMG-1851IMG-1856IMG-1859IMG-1869IMG-1898IMG-1900IMG-1904IMG-1930

Un weekend in Umbria, cuore verde dell’Italia. A weekend in Umbria, green heart of Italy.

Dici Umbria e pensi a tante cose. Al cioccolato e al suo festival a Perugia, ma anche a Umbria Jazz che ogni anno attira migliaia di appassionati. A Perugia c’è tanto da vedere. Basta cominciare a girovagare per i suoi vicoli medievali per perdere il senso del tempo e lasciarsi rapire dal fascino di palazzi, vicoli e piazze.

Tappa obbligata è la straordinaria piazza IV Novembre con l’iconica Fontana Maggiore. Sulla piazza si affacciano anche l’imponente Cattedrale di San Lorenzo e il prezioso Palazzo dei Priori che ospita capolavori di Piero della Francesca, Beato Angelico, il Pinturicchio e il Perugino.

A camminare viene appetito. Il pane umbro, non lievitato e cotto in uno speciale piatto di ghisa, va accompagnato con formaggi, verdure o il prosciutto di Norcia. Del resto, si sa, in Umbria il maiale è il re della tavola: porchetta, capocollo e salsiccia, la carne, tutto preparato secondo metodi artigianali.

Tra le città più attraenti della regione c’è Spoleto, centro medievale ricco di storia e di monumenti. Basta fare il Giro della Rocca e avrete una vista panoramica sulla città, la Cattedrale e la valle che regala l’olio d’oliva tra i più buoni e saporiti del nostro Paese.

Da non perdere la piazza del Duomo, il campanile e l’adiacente Battistero.

Spoleto Cattedrale di Santa Maria Assunta

Vi consiglio di passare da Spoleto anche solo per il piacere di godere della cucina del Tempio del Gusto, delizioso ristorante nel centro della città. Il meglio della tradizione umbra.

La magia dei mercatini di Natale. The magic of Christmas markets.

Lo scorso weekend ho accettato l’invito della mia amica Giorgia e sono andato a Trento. L’atmosfera di questa bellissima città era veramente magica. Volete sapere perchè? Perchè durante l’ultimo weekend di novembre si sono aperti i mercatini di Natale. Last weekend I was in Trento, my friend Giorgia invited me. The atmosphere of this beautiful city was really magic. Do you want to know why? Couse during the last weekend of november opened the Christmas markets.

L’origine dei mercatini di Natale risale al 1400 tra Germania e Austria.  In Italia, invece, la tradizione dei mercatini – soprattutto al nord – è molto più recente perchè compaiono attorno alla fine del 1900. E quello di Trento è senz’altro uno dei più belli. The first Christmas markets appeared around 1400 in Germany and Austria. In Italy this tradition is more recent, couse the markets appeared around the end of last century. And Trento’s markets are wonderful.

A pranzo ci siamo rifugiati in un tipico ristorantino. L’aria fresca ci ha suggerito di mangiare dei canederli in brodo. E poi l’immancabile strudel. Lunch in a tipical restaurant: canederli in broth and unmissable strudel.

E poi via, verso i mercatini, una festa di luci, profumi e dolci. And then we run to the markets, holiday of lights, scents and sweets.

Anche quest’anno si rinnova la magia delle casette di legno, bancarelle illuminate stracolme di dolciumi, prodotti tipici e musiche natalizie. Even this winter (like every year) the magic of small wood house, illuminated stalls, overflowing with sweets, typical products and Christmas music.

46820684_10215323107044871_5409564416582615040_o

Decorazioni, palline per l’albero, luci e statuine del presepe insieme a prodotti artigianali e specialità del posto. Decorations, balls for the Christmas tree, craft products.

46884483_10210522116408697_2157497978430947328_n

Dolci trentini, strudel e zelden. Il classico vin brulè e le eccellenze dell’artigianato. Sweetes from Trento, strudel and zelden, vin brulè.

 

Grazie ad Andreas Tamanini e al gruppo Quelli che hanno il Trentino nel cuore per le meravigliose fotografie.